ODE FUNEBRE
IN MEMORIA DI FRANCO SPINA


La morte di chi ci è caro è sempre un’esperienza che ci segna: i pensieri, il dolore, le speranze suscitate rimangono indelebilmente impressi nella nostra memoria. La scomparsa di Franco, cugino dei miei genitori, mi ha fatto rivivere in modo più consapevole (ero più grande) quella di mio padre, avvenuta qualche anno prima. Un po’ per le circostanze (entrambi avevano 41 anni, entrambi se ne sono andati all’improvviso), un po’ perché Franco mi era stato più vicino in seguito alla perdita della figura paterna.
Così ho sentito il bisogno di esprimere ciò che questo evento mi aveva suscitato: i frammenti scritti allora sono stati filtrati, corretti, organizzati vari anni dopo, senza tuttavia aggiungere nulla di sostanziale. Il brano, dopo una brevissima e tranquilla introduzione, esplode all’improvviso su un accordo molto dissonante con un tema teso e agitato esposto dall’orchestra. Lo sgomento per il lutto improvviso viene espresso poi anche dalle voci soliste, anche se in modo meno teso e drammatico. La scala tono-semitono clicca per sapere di più sulle scale musicali utilizzata dà una sensazione di incertezza, di mancanza di riferimenti, dopo che già l’orchestra, col suo continuo modulare clicca per sapere di più sulla modulazione, aveva messo a dura prova il senso tonale. L’andante mesto che segue vede l’esposizione, da parte dell’oboe, di un tema triste ed espressivo, intervallato a tratti dal ritmo di una marcia funebre e con qualche spunto contrappuntistico. L’entrata del coro sostituisce alla disperazione dei soli (“Franco è morto, non lo vedrò mai più”) la speranza che la morte non sia la parola definitiva (“Pregate per lui, angeli del cielo, portatelo con voi in paradiso”). Una speranza mesta, che non elimina la tristezza ma le dà un senso. Dopo la ripetizione dei temi dell’oboe e del coro, ritorna nella coda quello iniziale, ancora una volta drammatico e teso; nelle battute finali è invece il coro a dire l’ultima parola: speranza, eternità, paradiso. Johann Sebastian Bach era solito terminare con l’accordo maggiore i brani in tonalità minore; qui, per esprimere la luce di una speranza che tuttavia convive con la sofferenza e il dolore, è il sesto grado clicca per sapere di più sui gradi delle scale musicali della scala (e non il terzo) ad essere innalzato nel finale di un semitono. Il risultato di questo passaggio dal modo minore clicca per sapere di più sulle scale musicali a quello lidio clicca per sapere di più sulle scale musicali è come un raggio di luce che illumina il dolore, una promessa vera ma non ancora compiuta.

DOWNLOAD


(lo spartito è disponibile in formato MUS per Finale 2003 o pdf per Acrobat Reader)

SPARTITO (MUS - 153 K) SPARTITO (pdf - 369 K) MIDI (48 K) MP3


Torna all’elenco delle mie composizioni